Appassionati di viaggio in Italia e non solo
 

Pensieri sparsi sulla Francia ( parte III )

Ottiero 18 Ago 2017 01:24
* Guidare in Francia : è davvero un paradiso rispetto alle nostre
strade. Prima di tutto la segnaletica : solida, leggibile, luminosa,
coerente. Ogni aggettivo ha una sua ragione nel confronto con la
segnaletica nostrana.
Pensate ai dossi: qui sono tutti segnalati in modo evidente sia a terra
che in verticale, hanno un andamento dolce e invitano a modulare la
velocità secondo la configurazione della strada. Non ti sorprendono con
durezza, non sono inaspettati .
All'ingresso di ogni villaggio poi la strada si restringe a una corsia
per invitare-obbligare a rallentare. Ma appena fuori dal borgo il limite
risale subito a 70 e poi a 90 : non hai la sensazione che ti vogliono
fregare con l'autovelox, non siamo al ridicolo della bretella
Peschiera-Castelnuovo del Garda dove vergognosamente hanno messo un
limite a 50Km - ora su una superstrada che passa in piena campagna per
fatturare sanzioni a gogò._
Poi l'atteggiamento dei francesi nel traffico : rispettoso, segnalano le
intenzioni, rispettano i limiti. E questo paradossalmente è un problema
perchè nelle strade francesi a due corsie i limiti di guida sono di 90
- 110 km ora . Poichè tutti rispettano i limiti, nella corsia di destra
si viaggia appena al di sotto del limite e tu per sorpassare impieghi
anche più di un km.
E le aree di sosta? Magnifiche, pulite , attrezzate di tutto punto.
Viaggi per ore ma sai che ogni 30-40 km c'è una zona per riposare senza
fare lo slalom tra l'immondizia..
In più hanno davvero eliminato quel fasti***** di pagare un tratto di
autostrada ogni mezzora. Adesso viaggi per ore e al casello hanno tolto
quella ridicola ciotola raccogli-monete e si accettano Bancomat e Carte
di credito.
Serendipity : tu segui un percorso programmato con le destinazioni già
fissate sul Tom Tom e quello , ad un tratto, abbandona la strada maestra
e ti porta per straducole di campagna dove ti chiedi come faranno a
trovarti in caso di soccorso. Questo però offre la possibilità di
perdersi nella campagna-foresta francese attraversando borghi
dimenticati da ******* per poi ritrovarsi sulla strada Nazionale abbandonata
un'ora prima avendo guadagnato , forse, mezzo km di strada.
Ma ti sei ******* la cura del territorio, tutte le bordure delle strade,
anche quelle più sperdute, sono rasate a filo, i bordi rialzati con
ginestre e ortensie in grandi quantità, e in ogni borgo sembra ci sia
una gara per creare le migliori fioriture .
Le rotonde sono una buona occasione per mostrare la cura e la
creatività, piante e fiori che dialogano in mezzo alla strada, non vedi
cartelli pubblicitari di sponsor improvvisati.

segue...
campo da 18 Ago 2017 01:40
Il 18/08/2017 01:24, Ottiero ha scritto:

> In più hanno davvero eliminato quel fasti***** di pagare un tratto di
> autostrada ogni mezzora. Adesso viaggi per ore

Non dire sciocchezze: hai fatto Ventimiglia-Provenza e anche oltre in
autostrada?
Pagliotz 18 Ago 2017 09:21
Ottiero ha spiegato il 18/08/2017:

> In più hanno davvero eliminato quel fasti***** di pagare un tratto di
> autostrada ogni mezzora. Adesso viaggi per ore e al casello hanno tolto
> quella ridicola ciotola raccogli-monete e si accettano Bancomat e Carte di
> credito.



Stai scherzando? Solo fino all'aeroporto di Nizza ce ne sono due di
barriere (e tutte e due con il "cestino".

--
ATTENZIONE: se nel msg-id si vede
"mn..........140268 ******* fun.club", sono proprio Pagliotz.
Altrimenti è un troll così ******* da volermi imitare per confondere
gli utenti...
..
Ottiero 18 Ago 2017 10:59
Il 18/08/2017 01:40, campo da ha scritto:
> Il 18/08/2017 01:24, Ottiero ha scritto:
>
>> In più hanno davvero eliminato quel fasti***** di pagare un tratto di
>> autostrada ogni mezzora. Adesso viaggi per ore
>
> Non dire sciocchezze: hai fatto Ventimiglia-Provenza e anche oltre in
> autostrada?


All'andata, partendo da Milano, sono passato da Basilea, Besancon, fino
Auxerre. Mi sono fermato a Chiasso per la targhetta e poi tutto di fiato
fino a Auxerre pagando UNA volta.
Al ritorno dai Castelli della Loira siamo arrivati a Bourges ( 1 stop) e
Annecy. Da qui al Monte Bianco con solo un pagamento ( dopo 70 minuti di
attesa).

Tre mesi fa ero stato a Nizza e all'Esterel e avevo pagato solo a Nizza.


ottiero
>
>
>
Ottiero 18 Ago 2017 11:01
Il 18/08/2017 09:21, Pagliotz ha scritto:
> Ottiero ha spiegato il 18/08/2017:
>
>> In più hanno davvero eliminato quel fasti***** di pagare un tratto di
>> autostrada ogni mezzora. Adesso viaggi per ore e al casello hanno
>> tolto quella ridicola ciotola raccogli-monete e si accettano Bancomat
>> e Carte di credito.
>
>
>
> Stai scherzando? Solo fino all'aeroporto di Nizza ce ne sono due di
> barriere (e tutte e due con il "cestino".

Io pago con la carta. Tre mesi fa ero a Nizza e all'Esterel e non avevo
notato i ciotoloni che comunque non ho visto nella Francia
me*****-settentrionale

ottiero
>
Pagliotz 18 Ago 2017 11:08
Scriveva Ottiero venerdì, 18/08/2017:

>> Stai scherzando? Solo fino all'aeroporto di Nizza ce ne sono due di
>> barriere (e tutte e due con il "cestino".
>
> Io pago con la carta. Tre mesi fa ero a Nizza e all'Esterel e non avevo
> notato i ciotoloni che comunque non ho visto nella Francia
> me*****-settentrionale



In genere anche io pago con la carta, ma sono intervenuto solo per
l'affermazione, che sembrava categorica sul fatto che non esistessero
più i "cestini" e le barriere a prescindere. Sulla Francia
centro-settentrionale non posso dire nulla, ma al sud-est ci sono
eccome..

--
ATTENZIONE: se nel msg-id si vede
"mn..........140268 ******* fun.club", sono proprio Pagliotz.
Altrimenti è un troll così ******* da volermi imitare per confondere
gli utenti...
..

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Appassionati di viaggio in Italia e non solo | Tutti i gruppi | it.hobby.viaggi | Notizie e discussioni viaggi | Viaggi Mobile | Servizio di consultazione news.